Trattoria Via Vai - Bolzone

La scelta dei Vini



“Le mie passioni? Il vino, il vecchio rock, il design… i semini dello studio dell’architettura mi sono rimasti, aiutandomi a pensare, quando scelgo un vino, alla prospettiva del viaggio che voglio esperire o che voglio proporre all’ospite” .

Quando nasce il Via Vai, Stefano e Marco “studiano” sulla Guida Veronelli. “Andavamo dai produttori in Piemonte, in Oltrepò, nel Collio, in Alto Adige, nel Piacentino. Siamo stati tra i primi in zona a organizzare le degustazioni con i produttori”, ricorda Stefano.

La passione evolve di pari passo alla crescita. I gusti veronelliani gli inizi hanno fornito un imprinting sensoriale aperto, curioso, evolutivo, lontano dai condizionamenti di mercato a favore dell’ascolto del prodotto e di chi lo fa.

“Mi piacciono i vini buoni, che nascono in vigna e non vengono stravolti senza senso. Mi piace capire la ragione che c’è dietro la scelta di una barrique, ho una predilezione per il Piemonte e la Borgogna, per i piccoli vignaioli che non si piegano e sanno fare ottime etichette, per gli Champagne che invogliano a riempire la coppa. Cognac e Calvados le scelte del cuore per continuare una buona conversazione senza fretta dopo cena”.

Il ViaVai sulle Guide


bib-gourmand
chiocciola-osterie-italia
il-club-papillon
guida-golosa-2014
michelin
osterie-italia-2014
slow-wine-2013
alberghi-ristoranti-italia-2014